Essere freelance

No ratings yet.

Nel settore Web si registra un numero sempre crescente di persone che decidono di lavorare come freelance.

Tuttavia, quella che in prima analisi potrebbe sembrare una soluzione idilliaca, nella realtà è una situazione molto più complessa. La relativa libertà di dove, quando e come lavorare è un vantaggio che trova, sull’altro lato della medaglia, la difficoltà di districarsi in questioni legali e commerciali, la necessità di procurarsi il lavoro e la consapevolezza di non potersi immergere in uno schermo luminoso ad ogni ora del giorno, tutti i giorni dell’anno.

Lavorare in autonomia non vuol dire soltanto decidere quali strumenti utilizzare per costruire un sito web. Ecco alcuni consigli utili sia per chi stesse pensando di mettersi in proprio, sia per chi lo ha già fatto.

  1. Sii straordinario in qualcosa
    “Hai bisogno di essere uno specialista. Non basta accontentarsi di essere una delle diverse migliaia di mediocri liberi professionisti che non vengono mai scelti per fare un buon lavoro e saranno solo raccomandati da un piccolo gruppo di conoscenti” afferma Andy Budd, fondatore di Clearleft (www.clearleft.com).
    Per avere successo dice Sally Jenkinson, un consulente digitale freelance (www.sallyjenkinson.co.uk), “è indispensabile sapere cosa ti piace fare e quali sono i tuoi punti di forza”.
  2. Prenditi i tuoi rischi
    Jenkinson riconosce anche che è facile rimanere infossati in una routine. Per contro, lei crede che fare deliberatamente cose che spaventano può portare a maggiori risultati:  “Se avresti sempre voluto parlare ad una conferenza, ma nessuno ti ha mai avvicinato, contatta alcuni organizzatori. Se non credi di avere abbastanza esperienza per ottenere un posto di lavoro, prova comunque. Mettersi sul campo può essere difficile, ma se non si chiede, non si
    ottiene! Bisogna smettere di avere paura e basta!”
  3. Devi avere un tuo sito web
    Il Freelance designer e sviluppatore Shane Mielke ( www.shanemielke.com ) riconosce l’importanza di promuovere se stessi su siti autorevoli, ma dice che è necessario costruire una presenza sul web più ampia. Egli ritiene che il più grande strumento di promozione che un freelance può avere è ancora “un URL unico e personale che metta in mostra il suo talento, abilità, personalità e visione creativa. E’ il  ‘biglietto da visita’ per i potenziali clienti”.
  4. Migliora il tuo portfolio
    Non inserire contenuti vecchi sul tuo portfolio perché questo è lo strumento che deve far capire se sei bravo, ma anche se sei affidabile. “Focalizzare l’attenzione su ciò che si fa dimostra di essere degni di fiducia”. Lo dice il Product designer Sacha Greif (www.sachagreif.com )
  5. Scrivi un blog
    Il fondatore di AuthenticJobs ( www.authenticjobs.com ), Cameron Moll,  dice che avere alcune attività è più utile all’auto-promozione che averne una unica, anche se altamente qualificante.
    Sviluppa la capacità di scrivere in modo coerente e con passione su argomenti che ti interessano profondamente e rimarrai stupito dalle opportunità che ti si presentano per far crescere e sostenere il tuo business.”
    “Sono stato contattato da aziende che hanno voluto incontrarmi dopo aver letto un articolo,” aggiunge Hatch compagno Mark Kirby ( www.mark-kirby.co.uk  ), che ha trovato un beneficio dalla scrittura. “Si arriva a condividere le conoscenze, sei visto come un esperto e diventi uno che le aziende vogliono assumere.”
  6. Sii social
    Un sito personale è solo una parte del marketing. Kirby suggerisce di informarsi sui meeting di settore piuttosto che distribuire biglietti da visita in occasione di eventi casuali. Potrai fare conoscenze con persone competenti che potranno passarti dei lavori. Motto Todd ( www.toddmotto.com ), progettista e sviluppatore, è d’accordo, anche se ammette che è raro che qualcuno raccomandi una persona con la quale ha avuto solo un incontro di 15 minuti. ”
    “Il più grande errore che ho fatto quando ho iniziato come freelance a 17 anni è stato pensare che mettere un sito on-line sarebbe stato tutto ciò di cui avevo bisogno”, ricorda. “Quello che mi serviva davvero era stabilire delle relazioni, imparare da altre persone, chiedere loro di trasmettere i miei dati e utilizzare i contatti esistenti.” Oggi Motto spende un sacco di tempo a
    parlare con le persone, e raccomanda di fare marketing di se stessi, “come se non avessi mai avuto un sito web e mai lo avrai”.
  7. Sviluppa il tuo marchio
    Motto dice che si deve anche costruire il proprio marchio personale attraverso tutto quello che si fa. “E’ più di un semplice tweet, di un account su Dribbble e un sito web”, continua, “è tutto, dal tuo logo e le tue foto alla tua scrittura, i contenuti e l’atteggiamento. E ‘come si desidera essere visti come persona”. Egli raccomanda di essere affabile e simpatico, avendo cura di non spingere i confini troppo oltre -“Le imprecazioni non portano da nessuna parte – e considera che tutto quello che fai dal vivo e online è come ‘un grande CV’.

Per saperne di più:

 

Questi contenuti sono tratti e tradotti dal .Net magazine inglese di marzo 2013 e si basano su interviste fatte da Craig Grannell ad alcuni dei più autorevoli “lavoratori” del Web, inglesi, che si sono messi da soli e che hanno accettato di dispensare i loro migliori consigli.

 

Quanto ti è stato utile questo articolo?