Come capire se il tuo contenuto è di qualità

“Content is King” è la massima che aleggia da anni sul Web per rimarcare che quello che conta per essere primi su Google, al di là di qualsiasi tecnica SEO, è sempre e solo la qualità del contenuto.

Lo stesso motore di ricerca rilascia più volte l’anno nuovi algoritmi per la valutazione dei siti Web e lo stesso Google raccomanda di non allarmarsi se, in coincidenza con il rilascio, il nostro sito dovesse perdere posizioni nel ranking. In genere non c’è nulla di sbagliato da correggere in queste pagine.

Quello che Google consiglia di fare in questi casi è di porre attenzione ai contenuti che stiamo offrendo e di cercare di capire se questi sono i migliori contenuti possibili perchè è proprio la qualità che gli algoritmi cercano di premiare.

Come si può capire se stiamo offrendo contenuti di qualità?

Ci sono una serie di domande a cui rispondere che riguardano la qualità del testo, la competenza di chi lo ha redatto, come viene presentato e come valutarlo nei confronti di altri testi simili presenti in rete.

Eccone alcune che potresti considerare come una check list per auto valutare le tue pagine Web.

La qualità del contenuto

  • Il contenuto è originale? Ovvero, fornisce informazioni, ricerche o analisi che non si trovano in altre pagine web?
  • Il contenuto è completo di tutto quello che serve sapere sull’argomento con informazioni interessanti e non ovvie?
  • Il contenuto è copiato o riscritto da altre fonti? (Non dovrebbe assolutamente esserlo, nemmeno tradotto da altre lingue)

L’importanza dei titoli

  • Il titolo e i sottotitoli della pagina forniscono un sommario descrittivo e utile del contenuto?
  • I titoli non devono essere troppo lunghi e non devono contenere esagerazioni o frasi scioccanti solo per catturare l’attenzione

Se tu fossi un utente che visita la tua pagina

  • La vorresti aggiungere ai segnalibri o condividerla con un amico?
  • Consiglieresti a qualcuno di visitarla?  (Ecco l’importanza dei backlink di qualità per Google)
  • Questa pagina potrebbe essere citata da una rivista o in un libro?

La competenza dell’autore e la fiducia

  • Ci sono nella pagina informazioni sull’autore, citazione delle fonti, prove dell’esperienza sull’argomento di chi scrive il contenuto?
  • Ci sono collegamenti a pagine di approfondimento?
  • Si capisce che il contenuto è stato scritto da un esperto o da un appassionato?
  • Ci sono dichiarazioni non attendibili o ovviamente false?

La qualità del testo

  • Il testo presenta errori di ortografia, grammatica o sintassi?
  • Leggendolo si ha l’impressione chi sia stato scritto con cura o in maniera frettolosa e sciatta
  • Ci sono troppi annunci pubblicitari che distraggono l’utente o interferiscono con il contenuto?
  • La pagina si visualizza correttamente ed il testo è facilmente leggibile anche da smartphone?

La comparazione con altre pagine

  • La pagina fornisce un contenuto con valore superiore rispetto ad altre pagine presenti nei risultati di ricerca?
  • Hai l’impressione che il contenuto sia stato creato seguendo delle tecniche solo per essere posizionato ai primi posti sui motori di ricerca, o per fornire una risposta reale agli interessi delle persone?

CONCLUSIONI

Se riesci a rispondere in maniera positiva alla maggior parte di queste domande, non dovrai mai preoccuparti che Google ti possa penalizzare, però si capisce che, una volta creata una pagina, o un post, o un articolo, non puoi dimenticartene ma devi periodicamente aggiornare i tuoi contenuti tenendo d’occhio le altre pagine Web che si sono posizionate per le stesse chiavi di ricerca. Lo stesso tuo lavoro di ottimizzazione e di completezza dell’informazione lo potrebbero aver fatto anche altri dopo di te ed averti superato nel ranking.

PER APPROFONDIRE

Google fornisce una documentazione piuttosto esaustiva per aiutare i Webmaster a seguire le sue linee guida. Questi sono alcuni link che potrebbero interessarti.

LINEE GUIDA E ISTRUZIONI PER I WEBMASTER

GUIDA ALLA CREAZIONE DI CONTENUTI DI QUALITA’ (in inglese)

COME GOOGLE VALUTA I SITI